Domande frequenti sulle uova: tutto quello che c’è da sapere su questo alimento

Aumentano il colesterolo e vanno buttate via dopo la data di scadenza? Rispondiamo alle domande più frequenti sulle uova.

Domande frequenti sulle uova

Le uova sono ricche di una moltitudine di nutrienti essenziali e sono una fonte impareggiabile di proteine ad alto valore biologico. Tuttavia, questo alimento genera innumerevoli dubbi tra i consumatori: fanno bene o male al colesterolo? Qual è la differenza tra uova bianche e marroni? Come si conservano al meglio? Diamo un’occhiata a queste e altre domande interessanti e risolviamo i frequenti dubbi sulle uova che tutti hanno avuto prima o poi.

Il consumo di un uovo al giorno non è associato a un aumento del rischio di malattie cardiovascolari o di mortalità nelle persone sane.

Si tratta di un alimento ricco di proteine, vitamine, minerali e altri nutrienti essenziali per la salute che genera molte controversie. Ha lo stigma di essere molto dannoso per il colesterolo, quindi in molte famiglie il suo consumo è estremamente limitato. Fare colazione ogni giorno con un uovo è considerato un pericolo per la salute pubblica, mentre un succo di frutta e dei biscotti sono considerati una colazione sana. Ecco come sfatare i miti e spezzare una lancia a favore di questo alimento ricco di benefici per la salute.

Quali tipi di uova esistono in base al loro sistema di produzione?

Il codice delle uova. Infografica a cura dell’Egg Institute.

Le uova vengono classificate in base al sistema di produzione in quattro categorie: 0, 1, 2 e 3. Queste categorie sono identificate da un codice stampato sul guscio, che indica anche il paese, la provincia, il comune e il pollaio di provenienza. A seconda del sistema di produzione, possiamo distinguere:

  • Categoria 0: uova di produzione biologica. Le galline sono allevate all’aperto, con accesso a spazi coperti e con mangimi biologici certificati. La densità massima è di 6 galline per metro quadro all’interno e di 4 metri quadri per gallina all’esterno.
  • Categoria 1: provengono da galline allevate all’aperto, con accesso a spazi coperti e con mangimi convenzionali. La densità massima è di 9 galline per metro quadro all’interno e di 4 metri quadri per gallina all’esterno.
  • Categoria 2: uova di galline allevate a terra. Questi animali sono allevati in case chiuse con accesso a nidi, posatoi e lettiere. La densità massima è di 9 galline per metro quadro.
  • Categoria 3: provengono da galline allevate in gabbie collettive con uno spazio minimo di 750 cm2 per gallina. Queste gabbie devono essere dotate di mangiatoie, abbeveratoi, posatoi e nidi.

Qual è la differenza tra uova bianche e marroni?

Quanto durano le uova dopo la data di scadenza?
Quanto durano le uova dopo la data di scadenza?

Il colore del guscio dipende dalla razza della gallina ovaiola . Normalmente, le galline dal piumaggio bianco tendono a deporre uova bianche, mentre quelle dal piumaggio scuro tendono a deporre uova marroni. Non bisogna dimenticare che il colore del guscio non ha alcuna influenza sulla qualità, sul gusto, sul valore nutrizionale o sulla sicurezza di questo alimento.

Il colore del tuorlo, invece, indica la dieta della gallina. Più pigmenti naturali (carotenoidi) contiene la dieta della gallina, più il tuorlo sarà giallo o arancione.

Quante uova si possono consumare al giorno o alla settimana?

Non esiste una risposta univoca, poiché dipende dalle caratteristiche individuali di ogni persona, dalla sua attività fisica e dall’apporto dietetico complessivo.

In generale, un consumo moderato di uova è considerato sicuro e salutare per la maggior parte della popolazione, a patto che siano incluse in una dieta equilibrata e varia.

È ricco di proteine di alto valore biologico, contenenti tutti gli aminoacidi essenziali che l’organismo non può sintetizzare. Fornisce inoltre vitamine (A, D, E, B12, riboflavina, acido folico, biotina), minerali (ferro, fosforo, zinco, selenio, iodio) e altri composti bioattivi (colina, luteina, zeaxantina).

Si distingue per il basso contenuto di carboidrati e il moderato contenuto di grassi, la maggior parte dei quali insaturi. Contiene anche colesterolo, ma il suo effetto sul colesterolo nel sangue è inferiore a quello dei grassi saturi e trans.

Secondo le attuali evidenze scientifiche, il consumo di un uovo al giorno non è associato a un aumento del rischio di malattie cardiovascolari o di mortalità nelle persone sane. Tuttavia, nelle persone con diabete, ipercolesterolemia o una storia di malattie cardiovascolari, si raccomanda di limitarne il consumo a 2-4 a settimana.

In ogni caso, è importante tenere conto del metodo di cottura e degli alimenti che accompagnano l’uovo, in quanto possono modificare il suo valore nutrizionale e il suo impatto sulla salute. Ad esempio, è preferibile consumarlo bollito, in camicia o alla coque piuttosto che fritto o in una frittata, e accompagnarlo con verdure, frutta, cereali integrali o legumi piuttosto che con salumi, formaggi o salse.

Come si conservano le uova?

Un altro dei dubbi più frequenti sulle uova riguarda il loro metodo di conservazione. Si tratta di un alimento deperibile che richiede condizioni di conservazione adeguate per mantenere la sua qualità e sicurezza. Devono essere conservate in frigorifero, preferibilmente nella loro confezione originale o in un contenitore chiuso, per evitare la perdita di umidità e la contaminazione incrociata con altri alimenti.

È importante ricordare che non devono essere lavate prima di essere conservate, in quanto ciò rimuove la cuticola, uno strato protettivo che impedisce ai microrganismi di entrare nell’uovo. Se l’uovo è sporco, può essere pulito con un panno umido appena prima del consumo.

Hanno una data di scadenza di28 giorni dalla posa, indicata sulla confezione. Questa data significa che fino a quel momento mantengono tutte le loro proprietà organolettiche (sapore, odore, consistenza), ma non implica che non siano sicure dopo tale data.

Si raccomanda di consumarli il prima possibile e di rispettare le regole di igiene e manipolazione per evitare il rischio di intossicazione alimentare. Un modo per verificare se è fresco è immergerlo in un bicchiere d’acqua: se affonda, è fresco; se galleggia, è vecchio.

Quali sono i benefici delle uova per la salute?

Le uova sono un alimento dai molteplici benefici per la salute, grazie alla loro composizione nutrizionale e ai loro composti bioattivi. Alcuni dei più importanti sono i seguenti:

  • Contribuisce alla crescita e al mantenimento della massa muscolare, grazie al suo elevato contenuto proteico di alto valore biologico.
  • Supporta lo sviluppo e il funzionamento del sistema nervoso fornendo colina, un nutriente essenziale per la sintesi dei neurotrasmettitori e l’integrità delle membrane cellulari.
  • Aiuta a prevenire l’anemia grazie al suo contenuto di ferro eme, che viene assorbito meglio rispetto al ferro non eme di origine vegetale.
  • Migliora la salute degli occhi grazie al contenuto di luteina e zeaxantina, due antiossidanti che si accumulano nella retina e proteggono gli occhi dalla degenerazione maculare e dalla cataratta.
  • Rafforza il sistema immunitario grazie allo zinco, al selenio e alle vitamine A e B12, coinvolte nella difesa dell’organismo dalle infezioni.
  • Previene i difetti del tubo neurale grazie al suo contenuto di acido folico, una vitamina coinvolta nella formazione del sistema nervoso del feto durante la gravidanza.

È consigliabile limitare il consumo di uova a causa del loro contenuto di colesterolo?

Questa è una delle domande più frequenti sulle uova e la risposta è no: il colesterolo contenuto nelle uova ha un effetto minore sul colesterolo nel sangue rispetto a quello dei grassi saturi e trans. Il colesterolo contenuto nelle uova ha un effetto minore sul colesterolo nel sangue rispetto ai grassi saturi e trans. Il colesterolo nel sangue è determinato da diversi fattori, tra cui la genetica, lo stile di vita e l’alimentazione in generale. Il consumo di uova non aumenta il colesterolo LDL (cattivo) né diminuisce il colesterolo HDL (buono) nella maggior parte delle persone.

Inoltre, questo alimento contiene altri nutrienti che possono avere un effetto protettivo sulla salute cardiovascolare, come proteine, grassi insaturi, antiossidanti e colina.

Quale parte dell’uovo è più nutriente: il tuorlo o l’albume?

Entrambe le parti sono molto nutrienti e hanno una composizione completamente diversa. Il tuorlo contiene la maggior parte dei grassi, del colesterolo e delle vitamine liposolubili (A, D, E e K), oltre ad alcuni minerali (ferro, fosforo, zinco) e altri composti bioattivi (colina, luteina, zeaxantina).

L’albume contiene la maggior parte delle proteine, oltre ad alcune vitamine idrosolubili (B2, B12, biotina) e minerali (sodio, potassio, magnesio, calcio). Si consiglia quindi di consumare l’uovo intero per beneficiare di tutti i suoi nutrienti.

Dopo aver esaminato queste domande frequenti sulle uova, è chiaro che si tratta di un alimento completo, nutriente e sano che può essere incluso in una dieta equilibrata e varia.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.