Zucchero di canna o zucchero bianco: cosa è meglio per la tua salute (e per il tuo portafoglio)?

Se sei uno di quelli che dolcificano tutto con il super-salutare zucchero di canna, questo articolo è di tuo interesse (e ti farà un po’ arrabbiare).

Zucchero di canna o zucchero bianco: cosa è meglio per la tua salute (e per il tuo portafoglio)?

Lo zucchero è uno degli ingredienti più consumati e uno dei più controversi nel mondo dell’alimentazione. Esistono diversi tipi di zucchero, ma i più conosciuti sono lo zucchero di canna e lo zucchero bianco. Quali sono le differenze tra i due? Quale dei due è migliore per la tua salute? Analizzeremo i componenti di entrambi per capire quale opzione è migliore per la nostra salute.

Sapevi che lo zucchero di canna è composto per l’85-95% da saccarosio? Esattamente come lo zucchero bianco da tavola.

È molto probabile che quello che stai per leggere non ti piacerà, perché se pensavi che sostituendo il pessimo zucchero bianco con l’ottimo zucchero di canna avresti risolto tutto, beh, non è così.

Che cos’è lo zucchero di canna?

Zucchero di canna vs. zucchero bianco: quali sono gli effetti sulla salute?
Zucchero di canna vs. zucchero bianco: quali sono gli effetti sulla salute?

Lo zucchero di canna si ottiene dalla canna da zucchero o dalla barbabietola da zucchero. Ha un colore marrone e un sapore più intenso e simile al caramello rispetto allo zucchero bianco. Questo perché contiene melassa, uno sciroppo denso e scuro che si forma durante il processo di estrazione e raffinazione dello zucchero.

Può essere integrale o raffinato. Il primo viene prodotto con una lavorazione minima, che gli permette di conservare parte della melassa e alcuni nutrienti della pianta originale. Il secondo viene prodotto aggiungendo melassa allo zucchero bianco, che gli conferisce un colore e un sapore simili a quelli dello zucchero di canna, ma con meno sostanze nutritive (si tratta di quello che viene comunemente chiamato zucchero bianco “tinto”, che non è tinto, ma è zucchero ricoperto di melassa per farlo sembrare marrone e più sano).

E cos’è lo zucchero bianco?

La verità sullo zucchero

Lo zucchero bianco viene sottoposto a un processo di purificazione e raffinazione che rimuove la melassa e quasi tutti i nutrienti della pianta originale.

Può avere forme e dimensioni diverse, a seconda del grado di cristallizzazione e macinazione applicato. Ne sono un esempio lo zucchero granulato, lo zucchero a velo, lo zucchero perlato o lo zucchero commercializzato in zollette.

Quali sono le differenze tra lo zucchero di canna e lo zucchero bianco?

La composizione di questi tipi di zucchero varia?

Entrambi sono composti principalmente da saccarosio, un tipo di carboidrato semplice che viene scomposto in glucosio e fruttosio nell’organismo. Tuttavia, lo zucchero di canna contiene anche una piccola quantità di melassa, che fornisce altri composti come acqua, minerali, vitamine e antiossidanti. Tieni presente le parole “piccola quantità” e vai alla fine dell’articolo.

Il valore nutrizionale di entrambi

I due tipi di zucchero hanno un valore calorico simile, fornendo circa 4 calorie per grammo .

Tuttavia, lo zucchero di canna ha un valore nutrizionale leggermente superiore, in quanto contiene più calcio, ferro, potassio e magnesio rispetto allo zucchero bianco.

Tuttavia, le quantità di questi nutrienti sono trascurabili (in pratica contiene tracce di questi minerali) e perché abbiano un qualche effetto benefico sull’organismo dovremmo mangiare zucchero a chili, quindi la cura sarebbe peggiore della malattia.

Sapore e colore dello zucchero bianco e di canna

È qui che risiede la differenza principale, dovuta alla presenza o meno di melassa. Lo zucchero di canna ha un sapore più intenso e caramellato e un colore marrone che varia a seconda del grado di raffinazione. Lo zucchero bianco ha un sapore più neutro e dolce e un colore bianco che può avere una tonalità giallastra o grigiastra a seconda del grado di purificazione.

Quali sono gli effetti dello zucchero sulla salute?

Come abbiamo visto parlando dello zucchero, si tratta di un alimento poco sano (per non dire malsano) e il nostro corpo può vivere tranquillamente senza, anche se hai sentito mille volte che è fondamentale per il buon funzionamento del cervello.

Infatti, se si consuma una quantità di zucchero superiore a quella raccomandata, gli effetti negativi sulla salute non tardano ad arrivare. I principali problemi di salute associati a un eccesso di zucchero sono i seguenti:

  • Aumento di peso. Lo zucchero fornisce calorie vuote, cioè calorie che non hanno alcun valore nutrizionale. Se si consuma più zucchero di quanto se ne consuma, l’eccesso viene immagazzinato come grasso nel corpo, il che può portare a un aumento di peso e a un maggior rischio di obesità.
  • Diabete. Aumenta i livelli di glucosio nel sangue e ciò induce il pancreas a rilasciare l’insulina, un ormone che aiuta a far arrivare il glucosio nelle cellule. Un consumo eccessivo di questi alimenti può causare un sovraccarico del pancreas che smette di produrre insulina oppure le cellule possono diventare resistenti all’insulina, il che può portare al diabete.
  • Malattie cardiovascolari. Può anche aumentare i livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue, il che può portare alla formazione di placche di grasso nelle arterie, che a loro volta possono portare a malattie cardiovascolari come infarti e ictus.
  • Carie dentale. Infine, favorisce la crescita dei batteri nella bocca, che producono acidi che erodono lo smalto dei denti, il che può portare alla carie, un’infezione che danneggia i denti e può causare dolore, infiammazione e perdita dei denti.

Zucchero di canna o zucchero bianco: qual è il migliore?

Quando si sceglie tra zucchero di canna e zucchero bianco, bisogna tenere presente che entrambi sono tipi di zucchero e hanno effetti simili sull’organismo.

Pertanto, in termini di salute, nessuno dei due è migliore dell’altro. L’importante è moderare il loro consumo e non superare le quantità raccomandate dalle autorità sanitarie.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il consumo di zucchero libero, cioè lo zucchero aggiunto agli alimenti o naturalmente presente nella frutta, nel latte o nello yogurt, non dovrebbe superare il 10% dell’apporto calorico totale giornaliero, che equivale a circa 50 grammi o 12 cucchiaini al giorno per un adulto di peso normale e con un’attività fisica moderata. L’autore osserva che ci sono ulteriori benefici se questa quantità viene abbassata al 5%, ovvero un massimo di circa 25 grammi al giorno.

Ricorda che lo zucchero di canna è composto per l’85-95% da saccarosio.

Ma non abbiamo detto che lo zucchero di canna contiene vitamine e minerali e lo zucchero bianco no? Sì, ma in proporzioni così ridotte che per far sì che queste vitamine e minerali abbiano un qualche effetto benefico sull’organismo , dovresti mangiare chili e chili di zucchero, quindi il danno sarebbe di gran lunga superiore ai benefici.

Non dimenticare che lo zucchero di canna è composto per l’85-95% da saccarosio, lasciando solo il 15-5% di spazio per l’acqua e alcune tracce di vitamine e minerali.

Quello che noterai è la differenza di prezzo: pagherai il doppio o il triplo per questo falso sano.

Pertanto, sia lo zucchero di canna che quello bianco dovrebbero essere consumati con moderazione e cercare di ridurne il più possibile il consumo. L’ideale è abituare il palato al gusto naturale degli alimenti e per farlo è meglio ridurre gradualmente la quantità di zucchero fino a portarla quasi a zero.

Questo non vuol dire che se hai voglia di una fetta di pan di Spagna, con i suoi zuccheri, i suoi grassi e tutto il resto, non mangiarla, ma devi sapere che non è qualcosa che si mangia tutti i giorni, ma piuttosto qualcosa che si mangia sporadicamente, anche se l’hai preparata con zucchero di canna, cannella o il tuo sciroppo salutare preferito.

Domande frequenti sullo zucchero di canna e sullo zucchero bianco

¿El azúcar moreno es más sano que el azúcar blanco?


Como acabamos de ver, el azúcar moreno no es más sano que el azúcar blanco, ya que ambos tienen efectos similares en el organismo. El azúcar moreno tiene un ligero valor nutricional superior, pero no es significativo ni suficiente para compensar los efectos negativos del azúcar. Lo importante es moderar su consumo, sea del tipo que sea y tratar de no superar las cantidades recomendadas por las autoridades sanitarias.

¿El azúcar moreno engorda menos que el azúcar blanco?


Aquí me temo que la respuesta también es negativa. Los dos productos tienen un valor calórico similar, de unas 4 calorías por gramo.
El azúcar moreno puede tener un índice glucémico ligeramente menor que el azúcar blanco, lo que significa que eleva menos los niveles de glucosa en sangre, pero la diferencia no es relevante ni suficiente para prevenir el aumento de peso.

¿El azúcar moreno es apto para los diabéticos?


Tal y como acabamos de apuntar en la pregunta anterior, aquí tampoco podemos ayudar a los diabéticos. Aunque el índice glucémico del azúcar moreno sea algo menor, no es un alimento apto para diabéticos.

Fonti consultate per questo articolo:

Il libro bianco dello zucchero. Di Carmen Gómez Candela e Samara Palma Milla.

Una visione globale, aggiornata e critica del ruolo dello zucchero nella nostra dieta. Journal Nutrición Hospitalaria. Articolo di Carmen Gómez Candela e Samara Palma Milla.

Linee guida. Assunzione di zuccheri per bambini e adulti. Organizzazione Mondiale della Sanità.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.